Masturbazione e Prostatite: cause ed effetti

Masturbazione e Prostatite: cause ed effetti

INTEGRATORI CONSIGLIATI:

Prostatricum - ✔ Prostatricum Active - ✔ Prostatricum Plus

masturbazione sesso prostatite

La prostatite è una malattia infiammatoria della ghiandola prostatica, che colpisce il genere maschile adulto, solitamente in un età compresa tra i 45 e i 70 anni, ma non è raro che a soffrirne siano anche ragazzi giovani (prostatite giovanile).

La ghiandola, circonda l’uretra ed è posizionata sotto la vescica, motivo per cui uno dei principali segnali di allarme, è il frequente bisogno di urinare. Le cause sono diverse, approfondiamo in questa sezione l’argomento.

Prostatite: come riconoscerla

prostataLa prostatite non è facile da riconoscere, in quanto molto spesso si sottovalutano i sintomi e si tende sempre a pensare che sia un disturbo passeggero. I giovani molto sovente hanno un senso di vergogna ad ammettere e riconoscere i segnali della prostatite e questo comporta un ritardo nella diagnosi, con il rischio di trasformarsi in prostatite cronica.

L’infiammazione infatti può essere batterica, cronica o asintomatica. La prima si differenzia dalle altre per la presenza di infezione batterica e necessita di un diverso trattamento medico. La prostatite cronica e asintomatica, escludono la presenza di infezione batterica e sono generalmente curate con integratori mirati e cura dell’alimentazione.

I sintomi più comuni della prostatite sono:

  • dolore pelvico;
  • minzione frequente;
  • bruciore durante la minzione;
  • stipsi;
  • scarsa quantità di sperma durante il rapporto;
  • evacuazione ed eiaculazione dolorosa.

In caso di prostatite batterica può comparire febbre, stato di malessere generale e perdite di sangue. In presenza anche di un solo sintomo di quelli elencati, è consigliabile rivolgersi tempestivamente al medico, che saprà indicare il giusto percorso da intraprendere.

prostata infiammata

Come sono collegate eiaculazione e prostatite?

L’eiaculazione non è altro che la fuoriuscita dello sperma dal pene durante la masturbazione o l’atto sessuale. Durante l’eiaculazione la prostata si contrae e siccome il liquido seminale passa per la prostata se questa è infiammata o ingrossata causa dolore. Se si sente dolore qualche istante prima di eiaculare oppure notate tracce di sangue nello sperma allora è bene rivolgersi a un medico per fare i vari esami delle urine e dello sperma come lo spermiogramma.

Questa condizione è un sintomo abbastanza chiaro di postata ingrossata o infiammata. Se non si interviene tempestivamente c’è il rischi che l’infezione possa aggravarsi portando a sterilità, disfunzioni sessuali, intaccare organo vicini alla prostata o formarsi un ascesso della stessa. In tal caso il medico provvederà a indicare una cura e nel caso grave intervenire tramite operazione chirurgica.

Le cause della prostatite

Le cause scatenanti della prostatite non sono chiare, soprattutto nella prostatite cronica e asintomatica, che risultano essere anche più complicate e lunghe da trattare.

Ma alcuni fattori potrebbero determinare lo sviluppo della malattia:

  • età, è più frequente che la malattia infiammatoria compaia in uomini adulti rispetto a soggetti più giovani;
  • familiarità, non si sono studi scientifici che dimostrano che sia una malattia ereditaria, ma sovente accade;
  • infezioni ricorrenti alle vie urinarie;
  • microtraumi da attività sportive quali l’equitazione e il ciclismo;
  • manovre invasive da interventi chirurgici.

Prostatite: masturbarsi fa bene o fa male?

masturbazioneLa masturbazione è un piacere, un momento intimo e privato di autoerotismo che però non deve essere abusato. A volte le dicerie che girano su questo argomento non sono proprio veritiere. Si pensa infatti che masturbarsi frequentemente abbia un effetto benefico sulla prostata, ma la realtà è ben diversa.

Le eiaculazioni ricorrenti infatti sottopongono la prostata a stress eccessivo, che in fase di infiammazione, soprattutto acuta, potrebbe peggiorare la situazione. La masturbazione, rispetto all’atto sessuale, è un po’ più dannosa, in quanto si abbassano i livelli di testosterone rendendo la ghiandola più vulnerabile alle infiammazioni. È bene però precisare che una masturbazione moderata, in condizione di infiammazione lieve, non è dannosa e pericolosa.

La prostatite è spesso responsabile del calo del desiderio e la masturbazione compulsiva e continuativa è il tentativo ansioso del soggetto, di verificare il funzionamento del pene e non derivante dal mero desiderio sessuale.
Soprattutto nella fase acuta dell’evoluzione della malattia, la masturbazione compulsiva potrebbe provocare emospermia ed ematuria, ossia presenza di sangue nello sperma e nelle urine, ostacolando la guarigione della malattia. È bene, qualsiasi sia l’età in cui compaia la prostatite, rivolgersi celermente a medici esperti, che sappiano al meglio consigliarti e indirizzare il giusto percorso medico da seguire.

Prostatite e vita di coppia

infertilità maschileNella grande maggioranza dei casi, gli uomini sono restii ad accettare il problema, per vergogna e per paura che possa ripercuotersi negativamente nella vita di coppia, causando un ritardo della diagnosi.
L’infiammazione della ghiandola prostatica, se non curata in tempo, si può trasformare in malattia cronica, moto più difficile e lunga da curare.

Studi medici hanno confermato una certa correlazione tra prostatite e disfunzione erettile, che può manifestarsi nel decorso della malattia, rendendo l’atto sessuale difficoltoso, doloroso e poco soddisfacente. Soprattutto nella fase acuta non è raro che l’uomo riscontri problemi erettili, difficoltà di mantenimento dell’erezione e di raggiungimento dell’orgasmo.

Fattori che influenzano negativamente il rapporto di coppia e la psiche dell’individuo, che si sente inadeguato e incapace di soddisfare il proprio partner. Ecco perché è importante non sottovalutare i sintomi e abbreviare i tempi della diagnosi, in modo da affrontare sull’esordio il problema e accorciare i tempi di guarigione.

PRODOTTO CONSIGLIATO PER AUMENTARE L’EREZIONE:

Recensione completa Eretron Aktiv (cicca qui)

eretron aktiv

LEGGI ANCHE: Prostatite e Erezione: come sono collegate?

Sesso e prostatite

L’infiammazione della ghiandola prostatica non è molto ben tollerata dagli uomini, per i sintomi fastidiosi che comporta, le cure non sempre efficaci, i tempi di lunghi di guarigione e le conseguenze che si ripercuotono sul sesso.
Durante la malattia possono comparire disturbi di erezione che potrebbero rendere difficili i rapporti sessuali e far scaturire problemi legati all’autostima.

Ma avere rapporti sessuali con la prostata infiammata è dannoso?

coppia preliminari a lettoÈ una delle prime domande che gli uomini pongono a specialisti del settore, e la risposta è assolutamente no!
Anzi il sesso risulta essere una soluzione naturale per contrastare i problemi infettivi e infiammatori della ghiandola prostatica.

L’attività sessuale consente tramite l’eiaculazione, un ricircolo del liquido seminale e favorisce il buono stato della prostata e dell’apparato genitale maschile, che se rimane bloccato per molto tempo all’interno, provoca gonfiore e intasamento della ghiandola, spesso responsabili di stati infiammatori della stessa. Questa condizione infatti provoca ingrossamento della prostata, dolore testicolare che si ripercuote su tutta l’area intestinale.

È facile dunque intuire che l’eiaculazione svolge un ruolo benefico negli stati infiammatori della ghiandola prostatica, pulisce i dotti ed evita il deposito di agenti infiammatori, pulisce l’organismo da tutte le sostanze nocive per la prostata e favorisce la rigenerazione cellulare.

Ma quindi atto sessuale sì e masturbazione no?

Il segreto si colloca nel mezzo. Come abbiamo anticipato nel paragrafo precedente la masturbazione non è dannosa per la prostata, basta che non sia un atto compulsivo e frequente, in linea di massima 1-2 volte la settimana. L’atto sessuale invece è molto meglio tollerato dall’organismo, che riconosce la naturalezza e la spontaneità dell’eiaculazione. Quindi sì a masturbazioni occasionali e rapporti sessuali senza limiti, a patto che non siano dolorosi e invasivi.

PRODOTTO CONSIGLIATO PER LA PROSTATITE

Recensione completa Prostatricum (clicca qui)

prostatricum

ATTENZIONE:

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico. Leggi il Disclaimer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Elimina i problemi alla prostataSCOPRI DI PIU'