Principali sintomi [e rimedi] della prostatite

Principali sintomi [e rimedi] della prostatite

INTEGRATORI CONSIGLIATI:

Prostatricum - ✔ Prostatricum Active - ✔ Prostatricum Plus

prostatite sintomi e rimedi

La prostata è un organo fondamentale per l’apparato genitale-urinario e per la formazione dello sperma e degli spermatozoi. A causa di diversi fattori, esterni oppure genetici, con il tempo la ghiandola prostatica potrebbe ingrossarsi e infiammarsi provocando disturbo e dolore. Una diagnosi tempestiva e una cura adeguata che parte innanzitutto dalla prevenzione è molto importante per evitare guai più seri. Vediamo quindi cos’è la prostata e la prostatite, quali disturbi provoca, le cause e possibili rimedi prima di arrivare all’intervento chirurgico.

Cos’è la prostata?

prostataLa prostata è uno degli organi più importanti nella fisiologia anatomica maschile in quanto presiede a numerose funzioni tra le quali quella riproduttiva e sessuale. La ghiandola prostatica si trova esattamente sotto la vescica, davanti al retto e circonda l’uretra. Le sue dimensioni ricordano quelle di una noce.

Il peso varia con l’età: alla nascita si attesta intorno ai 2 grammi, in adolescenza cresce fino a sfiorare i 20 mentre in vecchiaia può superare i 40 grammi. La crescita di questo organo e le sue funzioni sono influenzate dal testosterone, l’ormone sessuale maschile che viene prodotto nei testicoli e in piccola parte nelle ghiandole surrenali. Senza la stimolazione indotta da questo ormone, la ghiandola rimane piccola e non riesce a produrre il liquido seminale.

Funzione principale della prostata

La sua funzione principale è quella di secernere una parte consistente del liquido seminale che ha il compito di proteggere gli spermatozoi dall’acidità dell’ambiente vaginale e di aumentare la mobilità degli stessi. Oltre a questo importante fluido, la prostata produce anche il PSA, l’antigene prostatico specifico. Questa sostanza, componente tra le più importanti del liquido seminale, riveste un ruolo di primaria importanza nella diagnosi precoce del tumore prostatico.

Cos’è la prostatite e perché è importante riconoscerla in tempo

La prostatite è l’infiammazione della ghiandola prostatica. Si verifica in un uomo adulto su dieci e l’incidenza aumenta con l’età. La fascia più colpita è solitamente quella che va dai 30 ai 50 anni.

Secondo la classificazione americana del 1999, esistono ben 4 tipi di prostatite:

  • batterica acuta,
  • batterica cronica,
  • prostatite cronica (sindrome del dolore pelvico cronico);
  • prostatite asintomatica.

Quali sono le cause

ipertrofia prostatica benignaLe cause che scatenano questa patologia sono molte. La più comune è un’infezione batterica del tratto urinario provocata da batteri gram-negativi come l’Escherichia Coli, l’Enterococco o alcune forme di Proteus. A volte invece a scatenare il gonfiore e l’infiammazione sono microorganismi come la clamidia, i funghi oppure la manipolazione delle vie urinarie per l’inserzione del catetere. Negli ultimi anni si è fatta strada una nuova ipotesi, supportata da numerose ricerche e studi. La prostatite può essere la risposta ad alcuni disturbi psicosomatici o un meccanismo di difesa autoimmune dell’organismo umano.

Riconoscere in tempo i sintomi e procedere quindi a una diagnosi tempestiva è molto importante. La prostatite infatti non solo provoca dolori che possono alterare il benessere della vita quotidiana ma, se non curata, può portare a delle importanti disfunzioni sessuali, come l’eiaculazione precoce, e riproduttive con una diminuzione sensibile della fertilità maschile.

Quali sono i sintomi della prostatite?

uomo prostatiteLa prostatite acuta è accompagnata soprattutto da difficoltà che riguardano l’apparato urinario. Chi ne soffre infatti lamenta bruciore durante la minzione e il flusso si riduce notevolmente a causa del gonfiore della prostata stessa che ne ostacola la libera fuoriuscita. Questo problema ne causa un altro; poiché la vescica non viene mai svuotata completamente, si avverte un bisogno costante di urinare.

L’uomo sente dolore in basso, intorno al perineo, alla schiena, intorno all’inguine, nei testicoli. I rapporti sessuali sono difficili e sofferenti. La sensazione è quella di avere un malessere generale, simile a quello influenzale perché spesso si avvertono brividi e una febbre leggera. La forma acuta di questa patologia può portare alla ritenzione urinaria, una complicazione che necessita di un intervento medico tempestivo.

sintomi prostatiteLa prostatite è definita cronica quando persiste per più di tre mesi. È una condizione meno “urgente” di quella acuta e si manifesta con sintomi più lievi. Si verifica soprattutto in uomini che hanno sofferto spesso di infezioni del tratto urinario o di infiammazione dell’uretra ed è il risultato del persistere di alcuni batteri nell’area della ghiandola prostatica. Tra le prime avvisaglie ricordiamo la sensazione di una pressione avvertita nella parte inferiore dell’addome, nella schiena e nell’area del perineo.

Lo sperma appare di colore marrone così come le urine perché sono presenti tracce di sangue. La vescica si svuota lentamente e, a volte, con difficoltà. Il dolore è presente e causa rapporti dolorosi, mancanza di libido e disfunzione erettile.

La sindrome del dolore pelvico cronico invece si manifesta principalmente con il dolore pelvico che persiste nel tempo oppure è presente in modo intermittente. Infine, la prostatite asintomatica non causa sintomi e spesso viene diagnosticata per caso nel corso di controlli specifici come la biopsia prostatica.

Prostatite: quali sono i rimedi?

sintomi e rimedi prostatite

Il trattamento della prostatite acuta si basa essenzialmente sull’assunzione per almeno 10 giorni di un antibiotico capace di debellare l’infezione batterica. In caso di infiammazione cronica invece la terapia antibiotica deve essere prescritta per un periodo di tempo superiore, proprio per andare a colpire anche i batteri più resistenti. Lo specialista può prescrivere dei farmaci antinfiammatori per combattere il dolore e alfa-bloccanti per promuovere lo svuotamento della vescica.

Per scongiurare il pericolo della prostatite in realtà esistono alcuni rimedi che possono aiutare a prevenire e curare in modo naturale le prime avvisaglie della patologia. Uno stile di vita sano e attivo e un peso nella norma rappresentano dei presupposti fondamentali per aiutare il proprio fisico a combattere naturalmente le infezioni.

Nello specifico, per scongiurare il pericolo di ingrossamento della ghiandola prostatica, è necessario limitare il consumo di alcol, caffè, cibi piccanti e acidi. Allo stesso modo è necessario bere almeno due litri di acqua al giorno per tenere pulita la vescica. Un’ottima soluzione è quella di assumere tisane a base di uva ursina, malva e tè verde. A tavola è necessario un’alimentazione sana e corretta e privilegiare alimenti che contengono alte quantità di licopene, isoflavoni e polifenoli come pomodori e uva, integrare vitamine come la D3 e lo zinco e assumere integratori naturali in grado di prevenire e combattere la prostatite, ristabilendo il normale equilibrio dell’apparato genito-urinario.

Infine, un’attività fisica leggera ma costante come camminare o nuotare aiutano a mantenere l’organismo sano, forte e in grado di abbassare naturalmente il livello di infiammazione del nostro fisico.

MIGLIORE RIMEDIO CONTRO LA PROSTATITE:

Recensione completa Prostatricum (clicca qui)

prostatricum

ATTENZIONE:

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico. Leggi il Disclaimer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Elimina i problemi alla prostataSCOPRI DI PIU'