Come prepararsi al test del PSA

Come prepararsi al test del PSA

INTEGRATORI CONSIGLIATI:

Prostatricum - ✔ Prostatricum Active - ✔ Prostatricum Plus

psa test prostata

Cos’è la prostata

La prostata è una ghiandola dell’apparato uro-genitale maschile a forma di noce. Posizionata davanti al retto e sotto la vescica, circonda l’uretra e ha il compito di determinare insieme a questi organi lo stato salutare dell’apparato urinario. La ghiandola prostatica è costituita esternamente da un rivestimento fibroso e internamente da componenti muscolari e ghiandolari.

La sua funzione ha un ruolo fondamentale dal punto di vista sessuale, il liquido prostatico rilasciato durante l’atto sessuale si mescola allo sperma e danno vita al liquido seminale.

È facile dunque capire quanto sia importante preservare la salute della prostata con la prevenzione e le dovute cure del caso. I sintomi della prostatite sono chiari ed evidenti ed è fondamentale non trascurarli: spesso questa ghiandola è soggetta a stati infiammatori che danno origine a disturbo del pavimento pelvico, prostatite acuta, prostatite cronica e asintomatica.

L’uso di integratori alimentari come Prostatricum e uno stile di vita sano (alimentazione e sport senza alcol e fumo) possono evitare l’insorgenza di questa patologia che colpisce gli uomini dai 50 anni in su ma anche giovani (prostatite giovanile).

prostata

Cos’è il PSA

L’Antigene Prostatico Specifico, meglio conosciuto come PSA, è una proteina prodotta dalla ghiandola prostatica che riversa una piccolissima parte nel sangue, che permette di poter testare e dosare la proteina.

Il PSA nel sangue si divide in due forme: legata in quanto si accomuna ad altre sostanze e libera in quanto circola da sola, l’associazione di queste due forme costituisce il totale dell’Antigene. Il suo valore totale è utile per diagnosticare difetti e malfunzionamento della ghiandola prostatica o presenza di patologia maligna.

È bene sottolineare che in caso di tumore della prostata il solo dosaggio del PSA non è sufficiente per confermare la presenza di massa tumorale, ma è fondamentale sottoporsi a esami strumentali precisi decisi dallo specialista.

Quali sono gli esami della prostata

L’infiammazione prostatica esordisce con sintomi e disturbi facilmente riconoscibili, quali:

  • minzione frequente;
  • dolore pelvico;
  • minzione dolorosa;
  • sensazione continua di vescica piena;
  • dolore lombare;
  • disturbi della sfera sessuale.

È bene non sottovalutare i primi segnali e rivolgersi subito al medico curante o specialista. Dopo una prima anamnesi il medico deciderà in base alla descrizione dei sintomi se approfondire il problema.

Per una precoce e corretta diagnosi il medico può avvalersi di alcuni esami, quali:

  • esplorazione rettale, durante la quale il professionista potrà constatare nell’immediato le dimensioni della ghiandola e probabili anomalie;
  • il dosaggio del PSA, per escludere o confermare infiammazione prostatica;
  • ecografia prostatica trans-rettale, per avere un quadro più chiaro della condizione;
  • biopsia prostatica, solo in caso di necessità e se il medico lo riterrà opportuno.

Questi esami sono quasi sempre sufficienti per diagnosticare le patologie della prostata.

Test PSA: a cosa serve

Il PSA è un marcatore di probabili problemi della prostata, il suo valore aumenta in presenza di alterazione della ghiandola prostatica. Considerata l’importanza dell’esame è considerato oggi uno screening fondamentale da eseguire ogni anno, dai 40 anni in su.

Un dosaggio alterato però non sempre è sinonimo di cancro della prostata, ma aumenta anche in presenza di infiammazione prostatica, per l’età avanzata o in seguito a determinate attività sportive quali motociclismo e ciclismo. Un valore elevato crescenti nel tempo è da considerarsi una spia d’allarme, da monitorare e tenere sotto controllo.

Quando conviene fare il test del PSA

L’esame è consigliato per tutti gli individui di sesso maschile con un età compresa tra i 40 e i 70 anni con periodicità annuale, per soggetti con un’età inferiore ai 40 anni qualora in famiglia ci siano stati casi di tumore alla postata o ancora in concomitanza di disturbi collegati alla ghiandola. In soggetti più giovani solitamente non è un esame di routine in quanto la malattia non si sviluppa facilmente in soggetti giovani. Il test del PSA è sempre consigliato e prescritto dal medico di famiglia o dall’urologo, al momento della visita.

Come ci si prepara al test del PSA

Nonostante il test sia di facile esecuzione, è fondamentale seguire piccoli accorgimenti prima del prelievo:

  • eseguire il test a digiuno;
  • eseguire l’esame due/tre giorni dopo rapporti sessuali o eiaculazioni;
  • evitare di fare il test con infiammazioni urinarie in corso;
  • 48 ore prima di fare l’esame è preferibile evitare attività fisica intensa;
  • evitare di fare il test in caso di posizionamento di catetere vescicale rimosso da poco tempo;
  • posticipare l’esame se vi siete sottoposti a cistoscopia o biopsia della prostata nell’ultimo mese e mezzo;
  • posticipare l’esame se negli ultimi dieci giorni vi siete sottoposti a visita rettale.

È fondamentale prima dell’esame informare l’analista della terapia farmacologica che si assume, per escludere qualsiasi fattore che potrebbe falsificare i livelli di PSA nel sangue.

Test PSA: come viene fatto?

Eseguire il dosaggio del PSA è un esame alquanto semplice. Consiste in un normale prelievo di sangue in un laboratorio di analisi pubblico o privato. Il sangue prelevato verrà analizzato da analisti esperti che, in pochi giorni, sapranno riferire la quantità di proteina presente nel sangue. Un indice inferiore o uguale a valori di riferimento specifica lo stato salutare della prostata, un indice maggiore ai valori di riferimento richiede consulenze specialistiche.

INTEGRATORE NATURALE PROSTATITE
Leggi la recensione (clicca qui)

prostatricum integratore prostatite

ATTENZIONE:

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull'uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico. Leggi il Disclaimer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Elimina i problemi alla prostataSCOPRI DI PIU'